immagine CONSISTOMETRO DI BOSTWICK
CONSISTOMETRO DI BOSTWICK
4 febbraio 2016
immagine BILANCIA PER PESATE DI ZAFFERANO
BILANCIA PER PESATE DI ZAFFERANO
9 febbraio 2016
Mostra tutto
immagine MISURA PUNTO D'INFIAMMABILITÀ PER LIQUIDI

MISURA PUNTO D’INFIAMMABILITÀ PER LIQUIDI

Prezzo su richiesta


Disponibile

COD: IN-750-E. Categoria: .
Descrizione
 

Strumento per determinare il punto di infiammabilità dei prodotti petroliferi nel campo di temperatura da 40 a 360 ° C e del biodiesel nel campo di temperatura da 60 a 190°C. Conforme alla norma ASTM D93 E502 IP 34 EN 22719 ISO 15267 ISO 2719 DIN 51758 punto infiammabilità con Pensky Martens a vaso chiuso.

Il punto di infiammabilità, o Flash Point, è la temperatura più bassa alla quale si produce una quantità di vapore sufficiente a formare una miscela con l’aria sulla superficie della sostanza e può prendere fuoco in presenza di una sorgente esterna di accensione.
La situazione di cui sopra è riprodotta in condizioni controllate in laboratorio: in queste condizioni di prova il campione è posto in apposita apparecchiatura dotata di un recipiente chiuso (vaso chiuso) o aperto (vaso aperto).
La determinazione del Flash Point in vaso chiuso viene effettuata tramite il dispositivo di Pensky-Martens in cui il campione da esaminare si trova all’interno di una coppa chiusa da un coperchio forato e da un otturatore.
Il materiale viene riscaldato con precisi e costanti incrementi: all’aumentare della temperatura il materiale emetterà dei gas che si miscelano con l’aria presente nella coppa.
L’otturatore viene aperto a intervalli prestabiliti ed un piccolo innesco viene diretto verso il foro: l’operazione viene ripetuta finché non si ottiene un breve lampeggiamento. La temperatura a cui avviene tale lampeggiamento (Flash Point), corretta per la pressione barometrica misurata al momento dell’analisi, è il punto di infiammabilità del materiale.

Procedure per la determina:

La Procedura A è applicabile ai carburanti distillati (diesel, miscele di biodiesel, cherosene, olio da riscaldamento, combustibili per turbine), lubrificanti nuovi e in uso, e altri liquidi petroliferi non inclusi nel campo di applicazione della procedura di B o C.
La Procedura B è applicabile ad oli residui, residui ridotti, oli lubrificanti usati, misture di petroli liquidi con solidi, petroli liquidi che tendono a formare un film di superficie alle condizioni del test, o sono petroli liquidi di tale viscosità cinematica che non sono riscaldati uniformemente durante le condizioni d’agitazione e riscaldamento nelle condizioni della Procedura A.
La Procedura C è applicabile al biodiesel (B100). Dal momento che un punto di infiammabilità di alcool residuo in biodiesel è difficile da osservare con tecniche manuali, una apparecchiatura automatica con rilevamento elettronico del punto di infiammabilità è considerata più adatta.

Riscaldamento elettrico controllato da un regolatore elettronico, struttura verniciata con prodotti epossidici antiacido. Coppa in ottone calibrata, coperchio con ignittore a gas, accensione del campione tramite l’immersione manuale del dispositivo di iniezione.
Agitazione del campione a scelta come da Procedura “A” e “B”, bagno ad aria e ventola di raffreddamento.

Dati tecnici:
– Temperatura di lavoro: da 40 a 360°C
– Alimentazione: 220V 50Hz
– Potenza: 500W.
– Dimensioni: 40X33X52 cm
– Peso: 11 kg.

Strumento fornito con: tubo gas, bombola, riduttore, termometro ASTM 9C IP 15C, termometro ASTM 10C IP 16C.

SKU: IN-750-E
Recensioni (0)

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “MISURA PUNTO D’INFIAMMABILITÀ PER LIQUIDI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top